Dagmamma bimbi
Esperienze,  Norvegia

Dagmamma: il mio lavoro in Norvegia

Quando sono arrivata in Norvegia nel 2013, mi sono ritrovata in un Paese molto diverso da quello a cui ero abituata. Ancora di più perché, arrivando nel mese di Novembre, iniziai a sperimentare sin da subito l’intenso inverno norvegese.

Ero convinta di voler prendere un periodo per me prima di iniziare a cercare lavoro, soprattutto dopo il trasloco e gli ultimi mesi intensi a Basilea.

Ma non è stato cosi. Ho ricevuto una proposta di lavoro dopo tre giorni dal mio arrivo: lavorare come…

 

DAGMAMMA

 

Non sapendo cosa fosse, iniziai a cercare informazioni utili un po’ ovunque: a sole due settimane dall’arrivo, ecco che iniziava una nuova avventura!

Da un punto di vista letterale, dagmamma vuol dire “mamma di giorno”, e la sua figura è simile alla tagesmutter tedesca, o alla childminder inglese.

In pratica, si tratta di gestire un piccolo asilo in casa propriain cui hai la possibilita’ ospitare da 1 fino a 5 bambini (ma per lavorare con piu’ di due, devi ricevere l’autorizzazione dal comune).

 

Dagmamma and kids

 

Da un punto di vista formale sei assimilabile a un lavoratore indipendente, ma senza l’obbligo di registri e commercialista. Sei tu a decidere le regole contrattuali, gli orari e l’organizzazione della giornata.

Sei anche tu a decidere la programmazione educativa. Vista la mia esperienza come educatrice, ho voluto fin da subito strutturare tutto come un piccolo nido. Questo per offrire un servizio quanto più competente e professionale possibile. Anche perché, mettere in gioco la mia esperienza in un ambiente lavorativo completamente nuovo era una sfida davvero stimolante!!

Diversamente da un classico nido, ogni anno lavori con bambini e famiglie diverse. Questo perché in Norvegia l’anno scolastico inizia ad agosto, e vengono accettati in asilo solo i bambini nati fino a fine ottobre: tutti gli altri devono aspettare l’anno successivo per iniziare. In questo caso, o nel caso di particolari esigenze familiari, entra in gioco la figura della dagmamma, che accompagna i bambini fino al momento dell’entrata in asilo, quindi intorno ai 18 mesi.

 

Bambini e dagmamma

 

All’inizio ero molto incerta se accettare questa proposta, ma alla fine si è rivelata un’esperienza tra le più belle e formative della mia vita professionale.

Non è stato facile, devo ammetterlo, soprattutto durante i primi mesi. Ero abituata a lavorare in gruppo, in strutture realizzate proprio per i bambini. Lavorare da sola e da casa mia è stata una bella sfida.

Nonostante le difficolta questa esperienza mi ha regalato aspetti della relazione con il bambino e con la famiglia che spesso nelle strutture più grandi scompaiono: un rapporto più individuale con il bambino, tempi più lenti, e una relazione con la famiglia più intensa.

 

kid is playing

 

È stato un percorso professionale che non avrei mai immaginato di fare. Un percorso ricco di tante soddisfazioni. Iniziare dal nulla, in un Paese non mio e ritrovarmi dopo solo due anni con cosi tante richieste da dover rifiutare per mancanza di posti, è stata una grande e bella soddisfazione. Cosi come vedere famiglie venire a fare richiesta ancora prima della nascita del bambino. O ritrovarmi con proposte di collaborazioni e offerte di lavoro da parte di scuole disposte a cambiare anche parte delle proprie regole pur di lavorare insieme. Mai mi sarei aspettata una crescita professionale e personale cosi quando sono arrivata a Trondheim.

 

Ma la cosa che più mi emoziona, e vedere il rapporto bellissimo che si crea con i bambini e quanto il tempo trascorso insieme riesce a lasciare il segno. Ma anche ricevere telefonate, foto, messaggi dai bambini che, anche a distanza di tanto tempo, vogliono rimanere in contatto. Tutto questo credo sia la soddisfazione più grande!

 

4 Comments

  • Maria Stella

    Ti auguro di ricominciare presto e in qualunque posto del mondo, tu sei fatta per questo lavoro. Ti auguro di riscoprire l’entusiasmo e l’energia che hai messo in queste parole, per non disperdere l’esperienza e le emozioni raccolte negli anni passati.

  • Laura Pezza

    Grande !!!! Noi abbiamo ancora l album di foto che hai regalato ad Alessandro prima di partire 15 anni fa! Sei una maga con i bambini di tutto il mondo e con queste nuove esperienze farai ancora meglio.
    Un abbraccio laura

    • Maria Grazia Mongiardi

      15 anni fa!!!! Mamma mia!!! Ma Alessandro lo porto sempre nel cuore!!! Grazie davvero per queste parole Laura!!! Un abbraccio forte!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.