Chi sono

 

           Ciao!

Dietro quest’ape in volo ci sono io! Mi presento un po’ …

 

Maria Grazia Mongiardi

…Mi chiamo Maria Grazia, ho 43 anni e sono un’educatrice. Sono italiana, calabrese per essere precisi, ma vivo da 13 anni all’estero.

La mia strada come educatrice è iniziata in un centro socio-riabilitativo per disabili, in Calabria. Un’esperienza intensa, profonda, stupenda, che mi ha segnata professionalmente e personalmente. 

 

Dopo 5 anni ho deciso di trasferirmi a Roma, per specializzarmi e dedicarmi maggiormente al mondo dell’infanzia. Ho iniziato a lavorare, sempre come educatrice, in un asilo, nella sezione nido. Una struttura bellissima, dove ho avuto la fortuna di trovare delle direttrici fantastiche, che mi hanno dato la possibilità di crescere professionalmente; colleghe e colleghi che, oltre ad essere ancora tra i miei migliori amici, sono stati fonte di ispirazione, di sostegno ed anche d’incoraggiamento davanti alle scelte importanti.

Rome Colloseum for about me

 

Ma il mio sogno, fin da bambina, è stato sempre quello di vivere all’estero; mi è sempre piaciuto confrontarmi con altre culture, vivere oltre quella zona di confort che il tuo Paese d’origine sicuramente ti dà. Infatti per me, proprio quelle sfide quotidiane che vivere in un’altro Paese impone, sono parte della bellezza di una scelta di vita un po’ diversa.

Cosi, ho deciso di trasferirmi a Basilea, in Svizzera. Un Paese particolare: un’unica nazione ma con diverse lingue e con esse,  anche diverse identità. Nei 5 anni a Basilea, ho vissuto tante esperienze nuove, diverse da quelle a cui ero abituata, sia personalmente che professionalmente.

Basel Switzerland

 

Ma la vita aveva preparato ancora un altro viaggio per me, destinazione…Norvegia, Trondheim esattamente! Un Paese magico fatto di aurore boreali, notti lunghissime e giorni che non tramontano mai. Di gente che sorride sempre e che ti saluta anche se non ti conosce. Un’esperienza unica, fantastica, ma anche intensa per gli inverni lunghi e rigidi.

Qui ho conosciuto un modo diverso di essere famiglia, di essere bambino e soprattutto di relazionarsi con il mondo dei piccoli. 

Ho avuto la fortuna di ricevere una proposta di lavoro subito dopo il mio arrivo: lavorare come “dagmamma”, praticamente avere un piccolo asilo a casa. Un’esperienza nuova per me, ma affascinante, perché mi ha permesso di conoscermi meglio e più profondamente come educatrice e mi ha dato la possibilità di lavorare con tante famiglie diverse, provenienti da diverse parti del mondo, e quindi con culture, lingue, e situazioni sempre nuove.

…è vero, sono andata sempre più su: partita dal Mediterraneo per arrivare vicino al Polo!!! 

Trondheim houses for blog

 

Guardandomi indietro, mi rendo conto di quanto sono fortunata: vivere una vita cosi piena di avventure, di cose nuove da conoscere e di esperienze che mi hanno arricchita e resa più forte.

Non so dove mi porterà la vita; quali avventure, sfide, scoperte sono nascoste nel mio futuro; ma so che non vedo l’ora di andare a vedere cosa mi aspetta!!!